NEWS

PER PREPARARSI ALLA CONSACRAZIONE A MARIA - 9 OTTOBRE 2016

S. E. Mons. Luigi Negri rinnoverà, il 9 ottobre prossimo in Cattedrale, l'affidamento a Maria con un solenne atto di consacrazione della Arcidiocesi

17/09/2016

Don Fabio Ruffini
Fin da tempi immemorabili l’amore alla Vergine Maria è forte nel popolo che abita le terre ferraresi e comacchiesi. Il santuario di santa Maria in Aula Regia a Comacchio, quello della Madonna delle grazie nella Cattedrale di Ferrara e numerosi altri santuari che punteggiano la campagna (la Pioppa; la Corba; la Galvana; il Poggetto; Denore; ecc.) lo attestano con chiarezza.
E la devozione del popolo nella Cattedrale di Ferrara verso la Madonna delle grazie è andata crescendo sempre più a partire dal XVI secolo, per giungere alla solenne incoronazione della venerata immagine sotto il card. Alessandro Mattei nel 1779 e alla proclamazione a patrona principale della città e diocesi da parte del beato papa Pio IX il 28 settembre 1849. Il Sinodo diocesano poi prescrisse che ogni anno fosse rinnovato l’atto di affidamento dell’Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio alla Madonna delle Grazie (Sinodo Diocesano 1985-1992, Direttorio pastorale, n. 60): «Ogni anno si celebri la settimana mariana in onore della beata Vergine Madre e Mediatrice di Grazia, patrona principale dell’Arcidiocesi, e culmini con il solenne affidamento a Maria. Si facciano coincidere, significativamente, l’apertura dell’anno pastorale, la presentazione dei programmi e l’avvio delle attività diocesane con la settimana mariana».
Tra gli altri ebbe speciale solennità l’atto di affidamento compiuto da mons. Carlo Caffarra durante il Grande Giubileo del 2000. Avendo deciso S. E. Mons. Luigi Negri, durante questo Giubileo straordinario della Misericordia, di rinnovare il 9 ottobre prossimo tale affidamento con un solenne atto di consacrazione di tutta la città e Arcidiocesi alla Madonna delle Grazie, è opportuno intraprendere un cammino di preparazione. L’esperienza dei santi e la tradizione spirituale cattolica - basti citare in proposito la dottrina classica di san Luigi Maria Grignion de Montfort - insegna, infatti, a preparare personalmente la consacrazione a Maria come atto di più perfetta e deliberata adesione a Gesù Cristo Signore.
Tale preparazione la si può vivere personalmente o come famiglia o come comunità; ecco alcuni suggerimenti:
1. vivere i giorni dal 1 al 9 ottobre prossimo recitando quotidianamente il S. Rosario con la specifica intenzione di prepararsi alla consacrazione;
2. invocare a tale scopo ogni giorno lo Spirito Santo;
3. leggere e meditare un buon libro, ad esempio una delle opere classiche di Luigi Maria Grignion de Monfort (L'amore dell'eterna Sapienza; Il trattato della vera devozione; Il segreto di Maria) oppure, tra gli altri, il libretto di Giuseppe Forlai, Madre degli Apostoli. Vivere Maria per annunciare Cristo, Ed. San Paolo 2014;
4. nel giorno della consacrazione, o in quelli immediatamente precedenti, rinnovare nelle mani di Maria le promesse battesimali (che includono la professione di fede), confessarsi e ricevere la Comunione eucaristica;
5. maggiori dettagli e ulteriori indicazioni si possono trovare nel libretto di Mario Buratti, A te mi affido o Madre. Piccola guida alla consacrazione a Maria nello spirito del Santo di Montfort, Ed. San Paolo 1995.